• Bergamo Accademia Carrara


    INIZIO LAVORI: AGOSTO 2015Regione : Abruzzo

    LEGGI SCHEDA
  • Biblioteca Universitaria di Bologna


    INIZIO LAVORI: MARZO 2015Regione : Emilia-Romagna

    LEGGI SCHEDA
1

Clicca su un pulsante partecipa e decidi liberamente quanto donare

2

Compila semplici moduli con le tue informazioni

3

Concludi in sicurezza la transazione attraverso Paypal™

Cosa è ARPAI?

E un’associazione che opera per la salvaguardia del Patrimonio dal 1989 e finora ha finanziato, direttamente o in alleanza con istituti bancari e fondazioni, un complesso di oltre 300 opere fra dipinti, architetture, sculture, oreficerie, libri e ceramiche, manufatti tessili e monumenti archeologici, che fanno parte del Patrimonio artistico italiano.

Maggiori Informazioni

Passaparola

Parla di ARPAI ad amici e conoscenti. Condividi i nostri progetti attraverso i Social Network

Diventa Socio

Entra a fare parte di ARPAI versando una quota associativa annuale

Donazioni

Partecipa con una donazione libera ai nostri progetti di restauro

Come partecipare ARPAI

Cattedrale di Vicenza Cappella dei Santi Giacomo e Antonio Abate

GIUGNO 2015Regione : Veneto

LEGGI SCHEDA

Accademia Carrara di Bergamo

MARZO 2015Regione : Lombardia

LEGGI SCHEDA

Museo di San Marco, Firenze

GENNAIO 2010Regione : Toscana

LEGGI SCHEDA

  • Le parole dei Nostri Soci

    “Il nostro obiettivo è principalmente quello di salvare opere “in pericolo” per la loro conservazione e, nella storia di A.R.P.A.I., ci sono stati alcuni casi di “estremo pericolo”: senza il nostro intervento avrebbero avuto un destino tragico..”

    Paolo Marzotto Presidente ARPAI
  • Le parole dei Nostri Soci

    “Il restauro va inteso come azione materiale e concettuale, ma anche simbolica: dove tutto concorre a salvare il pensiero dell'uomo.”

    Cristina Improta Direttore Settore Restauro Materiali Lapidei
  • Le parole dei Nostri Soci

    “Restaurare e rinnovare il nostro patrimonio artistico significa difendere la nostra storia e trarre ispirazione per il nostro futuro. La cultura nutre l’Italia!”

    Marino Golinelli